Fondazione

La Fondazione Brigata Maiella

La Fondazione Brigata Maiella nasce nel 1999 con il fondamentale apporto dell'Associazione Nazionale ex-combattenti - Gruppo Patrioti della Maiella. La Regione Abruzzo partecipa attivamente alla costituzione in qualità di Ente fondatore (l.reg.30lug1999) insieme all'Amministrazione provinciale di Chieti, il Comune di Gessopalena e la Comunità Montana "Aventino - Medio Sangro" in rappresentanza di 11 Comuni della Provincia di Chieti da cui in maggioranza provenivano i primi combattenti della Brigata "Maiella".

Ad essi si è aggiunta nel 2005 la Fondazione Pescarabruzzo. Soggetto no-profit, privato e autonomo, che persegue esclusivamente scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico nell'area strategica del medio adriatico italiano, la Fondazione ha messo a disposizione della Fondazione Brigata Maiella le strutture logistiche e la sede operativa di Pescara. La sede istituzionale rimane individuata nell'edificio principale dell'abitato storico di Gessopalena, il borgo che fu minato e distrutto da tedeschi in ritirata nel dicembre del 1943.

Nel 2015, in seguito ad un triennio intenso di attività per il Settantesimo anniversario della Resistenza (2013-2015), la Fondazione si è rinnovata includendo tra i membri degli organi statutari (nella Consulta dei Fondatori) il rappresentate dell'Università degli Studi di Chieti-Pescara, nonché i rappresentanti dei Comuni più significativi del percorso di Liberazione tracciato dalla "Maiella" risalendo la Penisola in combattimento da Casoli ad Asiago. 


La storia della Brigata Maiella